ConAltriOcchi blog – 以不同的眼光看世界-博客

"C'è un solo modo di vedere le cose finché qualcuno non ci mostra come guardare con altri occhi" – "There is only one way to see things, until someone shows us how to look at them with different eyes" (Picasso) – "人观察事物的方式只有一种,除非有人让我们学会怎样以不同的眼光看世界" (毕加索)


Leave a comment

Perdono,umiltà, schiettezza,

il viaggio apostolico di papa Francesco in Cile

don Enrico Ghezzi 

Nei suoi viaggi apostolici, il Papa non cerca un successo personale: vuole annunciare Gesù Cristo, con un vangelo che sia innanzitutto carico di gioia. Annuncio lieto, notizia di speranza. Le folle che accompagnano il Papa, certamente riconoscono al Papa di saper centrare il cuore del messaggio. Pare che il Papa abbia ricevuto una”giornalata” sulla testa, si sono affrettati a scrivere tutti i media. Questo piccolo episodio ha fatto notizia, più che le migliaia di persone che lo acclamano per lunghi chilometri. Eppure la giornata del 16  è stata ricchissima di eventi.

Verso le otto di sera (mezzanotte in Italia), il Papa ha concluso una giornata che mi è sembrata intensa e piena di emozioni. Ha concluso con l’ultimo incontro nella casa di accoglienza San Umberto Hurtado, un grande gesuita, intellettuale e santo della carità. Le file di ospiti hanno iniziato a sfilare davanti a lui, per gli abbracci.

Alle prime ore del mattino, la musica era stata di ben altro tono. Nel palazzo de La Moneda ( (carico delle  memorie di Allende il Presidente eroico ucciso, e della figura inquietante di Pinochet, il barbaro dittatore), davanti alle Autorità del paese, il Papa ha ricordato il dolore che il Cile sta ancora vivendo per il drammatico comportamento di pedofilia da parte di un gruppo di sacerdoti e religiosi nei recenti anni passati. Il Papa è pervaso da un fuoco evangelico e davanti all’intero popolo cileno, diritto in piedi nella sua solennità di Vescovo di Roma e dell’universo mondo cattolico, con inaudita umiltà e schiettezza dice:“Qui non posso fare a meno di esprimere il dolore e la vergogna davanti al danno causato  a bambini da parte di ministri della Chiesa…E’ giusto chiedere perdono e appoggiare con tutte le forze le vittime”. E’ il Vescovo di Roma che davanti a tutto il mondo, con dolore e vergogna, con la forza  solenne dell’umiltà, chiede perdono.

Più tardi la sala stampa vaticana informerà che il Papa, incontrando un gruppo di persone abusate dai preti, “ha pregato con loro e pianto”.

A seguire la Santa Messa davanti a più di  quattrocentomila persone. Una Messa di gioia, di musiche, di canti, di colori, di “alegrìa”, di festa. Una omelia di commento delle Beatitudini;  sono dice il papa, la forza, l’energia di ogni persona e dei popoli, alla ricerca della vita e della speranza. Il messaggio della speranza cristiana, nel cammino su questa terra. Sono lo scuotimento dal sonno della pigrizia e del fatalismo; sono parola di risurrezione contro la caduta della rassegnazione: “Rialzati o Cile, cammina o Chiesa, ridestati o Terra!” ha così concluso. Una nuova lettura biblica del testo di Matteo 5, che proporrei a tutti di rileggere, anche in chiave di esegesi del testo.

Molto commovente e intenso l’incontro con le donne prive di libertà (in carcere). La dura vita non toglie a queste donne la bellezza, la cura del corpo, la festa che oggi vivono sia pure attraversate il dolore. Lo vogliono dire e gridare al Papa; tengono tra le braccia i bambini sotto i due anni che la legge permette di tenere in carcere. Bambini bellissimi, paffuti, sorridenti e felici tra le braccia della mamma. Un’immagine davvero straordinaria, frutto del lavoro nelle carceri della Chiesa cilena. La suora responsabile, conclude un intenso discorso: “nel Cile è imprigionata la libertà!”.  I poveri, nel mondo, finiscono in carcere. Il papa ascolta e si emoziona e poi, nel suo dialogo, grida: “la dignità esiste anche se non c’è la libertà!  La dignità non si può mai togliere”. Un messaggio carico di umanità riscritto sulle righe del vangelo.

Molto forte anche il discorso nella Cattedrale di Santiago rivolto a sacerdoti, religiosi, suore, seminaristi, diaconi, vescovi. E’ forse il discorso più “bergogliano” fino ad ora del pellegrinaggio. Il papa scava le radici nella sua spiritualità personale radicata nel vangelo e nelle viscere della spiritualità ignaziana. Direi a tutti i preti e ai rettori di seminario: questo è il testo più moderno e antico per la formazione dei sacerdoti e dei religiosi. Non è più possibile rifugiarsi  in una spiritualità  astratta e angelicata, senza  la concretezza della carne dei pastori che Gesù sceglie per portate  il suo messaggio. Qui c’è il futuro!

Advertisements


Leave a comment

Gesù è venuto a liberarci da ogni dipendenza umana

Settimana di preghiera per l’Unità dei cristiani

Nella Settimana di Preghiera per l’Unita’ dei Cristiani, la Scrittura ci aiuta a riflettere  sui pericoli della divisione, che già San Paolo si trovò ad affrontare duramente.

Nella Prima Lettera ai Corinzi, infatti, Paolo ci racconta che i cristiani già litigavano fra loro, non circa la scelta tra bene e male ma su ben altre cose: “Io sono di Paolo, io invece sono di Apollo, io invece di Cefa. E io di Cristo!” (I Cor 1,12).

In fondo due sono i principali motivi che rompono l’unità nella Chiesa e creano divisioni, contrapposizioni, clericalismi.

Primo motivo che causa divisioni: i primi cristiani già miravano ad identificarsi con una autorità! Paolo respinge subito il gruppo sorto intorno al suo nome, e richiama con forza la centralità di Cristo. Non può esistere una Chiesa che non sia di Cristo. Il rapporto tra autorità e coscienza non può mai risolversi in nessuna dipendenza; quando l’autonomia della coscienza viene limitata e diviene dipendente dalla autorità, sorgono grandi problemi. Nascono i fanatismi religiosi, e ideologici, non meno gravi dei primi.

Fra quelli che si dicono cristiani, la storia così ha parlato: io sono di Pietro, io sono di Lutero, io sono di Calvino. Gesù è venuto a liberarci da ogni dipendenza umana, ma noi le abbiamo ristabilite. Il compito delle autorità è di essere ministri, servitori delle coscienze, non di sostituirsi ad esse, come ricorda spesso papa Francesco.

Il secondo motivo che causa divisioni lo troviamo al v. 17 della Prima lettera ai Corinzi al capitolo 1, dove Paolo dice: «Cristo non mi ha mandato a battezzare, ma ad annunciare il Vangelo». Solo la parola dà senso al rito che da solo diventa ritualismo sterile. Il significato, il ruolo, la traduzione, l’inculturazione della Parola di Dio sono stati incredibilmente e gravemente causa di tante divisioni e di tanto sangue.

E’ la parola che dà al povero la dignità. Sinagoghe, e chiese sono al  servizio delle nostre povertà, non padroni:“tu non avresti alcun potere se non ti fosse stato dato dall’alto” rispose Gesù a Pilato.

E’ la parola che dà all’adultera la misericordia: «va’ e non peccare più»; con quella Parola cadono tutte le sinagoghe, tutta la legge… Oltre un certo limite nessuna sinagoga, nessuna chiesa, nessuna legge conta. Conta l’uomo santuario vivente che risponde a Dio.

Per questo Gesù sceglie di salire in Galilea, lontano dalle autorità   per realizzare la promessa di liberazione di ogni uomo. Crea intorno a sé una comunità di semplici pescatori, per pescare gli uomini:” Gesù disse loro, venite dietro a me”.

Ci tira fuori dall’acqua, simbolo biblico  del male e della morte, per salvarci, per darci  vita. Per la prima volta in Matteo appare il termine ‘vangelo’ che significa ‘buona notizia’. La buona notizia è quella del Regno dove Gesù guarisce :” ogni sorta di malattie e infermità nel popolo”. 

Anche noi se non: “rinunciamo a cercare quei ripari personali o comunitari che ci permettono di mantenerci a distanza dal nodo del dramma umano”(Amoris Laetitia) non possiamo capire il “dramma” del Kerigma; il Kerigma non è dottrina ma dramma. Credo che annunciare il vangelo senza coinvolgimento personale, sia una illusione, non solo inutile ma controproducente. Senza l’odore delle pecore, il Pastore non è più pastore e diventa lupo, odora solo di incenso e inchiostro, non ha più l’abito sporco del pastore ma mantelli di costantiniana memoria, e le pecore fuggiranno via da Lui.


Leave a comment

Ecumenismo significa semplicemente Gesù Cristo

Settimana di preghiera per l’unità dei cristiani

don Enrico Ghezzi

Come ogni anno, a gennaio (18-24), le varie chiese che si riferiscono a Gesù Cristo, tentano di dialogare per conoscere meglio il cammino da percorrere per ritrovarsi fratelli nel confessare la fede che nei vari secoli passati si è pensato bene di rompere, sia per motivi dottrinali, sia per fattori storici. Con conseguenze drammatiche che hanno influito sulla divisione di intere  nazioni, specie in Europa.

Vorrei che tutti avessero letto, almeno tra i cattolici, il documento del Concilio Vaticano II  scritto proprio sul tema della comunione nella fede tra le diverse famiglie sorte dagli scismi. Dubito molto che tra che le nuove  generazioni, sia pure interessate, tale documento “Unitatis Redintegratio”, sia mai stato preso in considerazione. Sarebbe tempo di farlo ora!

Per conoscersi, sarebbe utile leggere gli scritti dei Padri delle Chiese Orientali, gli Ortodossi: che cosa ci divide da questi Padri, carichi di santità, di sapienza biblica, grandi apostoli dei popoli dell’ 0riente ? E gli scritti di Lutero e dei Riformatori ? Dov’è oggi la difficoltà a leggere le Scritture, a interpretarle assieme, a leggere i doni dei Sacramenti? Cosa significa difendere la  dottrina che è rimasta astratta, aliena dalla ricchezza della fede popolare?

“Credere” non vuol dire forse confessare Gesù Cristo, che Gesù nella risurrezione è il Signore ? Non è forse questo il cuore del nostro Credo? Che cosa mai ci divide? Il riconoscimento dell’autorità del Papa? Non ha forse detto Francesco, che l’autorità di Roma sta nella carità? Non era già stato detto da S. Ignazio di Antiochia all’inizio del II secolo? Forse alla radice della disunione rimane una grossa pigrizia spirituale (assenza dello Spirito) che affonda le origini nel potere delle varie  Chiese.

Ecumenismo significa semplicemente Gesù Cristo. L’uomo moderno che continua ad abbandonare le Chiese, vuole che Cristo sia la sorgente della speranza umana, che sia una verità che si traduce nella carità e nell’amore ai deboli e agli ultimi. Esige che la  fede nella vita eterna sia ora qui manifestata dalla speranza, dalla riscoperta della  bellezza della creazione  e che l’incarnazione sia annunciata come il fine ultimo di un Dio, che nel su Verbo, compie il senso di tutto il cosmo conosciuto nella scienza e bisognoso di compimento. L’al di là, che  noi annunciamo, serve per dare oggi la felicità che Gesù ha descritto con tanta potenza nelle Beatitudini (Mt 5).


Leave a comment

Il canto gioioso di una bimba

Papa Francesco in Cile

Ieri sera, quasi notte, alle 23,20, il Papa è atterrato all’aeroporto di Santiago del Cile. Sulla scaletta un vento forte faceva scherzi con la tonaca bianca del Papa: lo accoglie il Presidente del Cile, ala signora Michelle Bachelet. Socialista, due mandati di governo, il terzo appena perso a scapito di un miliardario di destra. Il suo programma di rinnovamento del paese e di impegno sociale, non è riuscito a  concludersi, come spesso capita. Mi soffermo sula figura della Bachelet: a me, vecchio lombardo, mi è sembrato di rivedere quelle donne ‘socialiste’ degli anni  50-60 del secolo appena passato, anni della mia adolescenza. Donne concrete, socialiste, operaie o casalinghe, madri, educatrici dei figli all’onestà e al sacrificio. Un bel ‘socialismo’ di quegli anni. Così la Bachelet: semplice nel vestito, dimessa e cordiale nei saluti, ha accompagnato per una ventina di metri il Papa, dialogando, fino davanti a una orchestrina tutta di adolescenti che suonavano con grazia e ‘allegria’. Senza nessun ricevimento ufficiale. Il Papa con la Bachelet si è fermato ad ascoltare la banda per buoni dieci minuti, felice e sorridente: alla fine c’è stato il canto gioioso  di una bimba  tra i dieci-dodici anni, che ha cantato con  grazia davanti al Papa. La ragazzina ha poi scavalcato un ostacolo   ed è corsa davanti al Papa, abbracciandolo. Alla fine di questa semplice accoglienza, in macchina, il Papa è andato verso l’Ambasciata della santa Sede accompagnato dalle solite ali di folla.

don Enrico Ghezzi


Leave a comment

Share the announcement of peace and hope.

Pope Francis pilgrim in Chile and Peru

Pope Francesco  landed in Chile for his one week pilgrimage to Chile first and then Peru. This was the twenty-second pilgrimage abroad and the sixth to Latin America.

At the welcome ceremony in Chile, the Pope will be received by the outgoing President of the Republic,  Michelle Bachelet.

In addition to the capital, in Chile Pope Francis will visit the city of Temuco in the South where he will meet the Mapuche Indians and then on to Iquique in the North, a large mining area with huge social problems. In Peru, starting Thursday, he will visit the capital, Lima, the city of Puerto Maldonado in Amazonia and Trujillo on the Pacific Coast. This will be the first time a pope has visited Amazonia. We should recall that a special Synod on Amazonia has been convened in Rome in 2019.

As usual, while flying over Argentina,  the Pope will send a message – defined as “interesting” by the Director of the Vatican Press Office, Greg Burke – to the President of his country, Mauricio Macri.

The topic of the journey will be to share the message of peace and hope.

In Peru, one of the major events on his journey in South America will be in Puerto Maldonado where Pope Francis will meet the Amazonian communities: after the welcome ceremony, at 10 o’clock on Friday, 19th January the Pope will receive an expression of affection from the missionary children and the indigenous people’s leaders. About 11 a.m. there will be the long-awaited meeting with the native communities. Pope Francis will listen to what they have to say and give them a message of encouragement, solidarity and hope.


Leave a comment

Migrants and refugees, our brothers

 

World Day of migrants and refugees in 2018

“Welcoming, protecting, promoting and integrating migrants and refugees” is the title of the Holy Father’s message for the World Day of Migrants and Refugees to be celebrated on 14th January 2018. There are four, very clear verbs which commit the Church, National and International Institutions and all men of good faith to make urgent and daily efforts. At the beginning of his message, the Pope reminds us that the Book of Leviticus states : «You shall treat the stranger who sojourns with you as the native among you and you shall love him as yourself, for you were strangers in the land of Egypt: I am the Lord your God» ( Lv 19,34). Then Francis goes on to say: “Every stranger who knocks at our  door is an opportunity  to meet Jesus Christ who identifies with the welcomed and rejected strangers of every age” (see Mt 25,35-43).

The encounter with Jesus today occurs in communion with our migrant and refugee brothers and sisters.     Our world, as we can clearly see, is invaded by people; they are sons and daughters, not foreigners; they are sons and daughters, not immigrants.

The presence of the Lord occurs more and more in the joint presence of all peoples; they do not arrive with empty hands but bring gifts, individual gifts obviously: they bring spirituality, culture, tradition and humanity. When talking about migration, people often speak of the Biblical Exodus.  Instead, it is an Epiphany, a manifestation  of the Lord who is coming.

The Pope also writes in his message “Integration is not assimilation that leads migrants to suppress or forget their own cultural identity. Rather contact with others leads to discovering their “secret”, to open towards them, to welcome their valid aspects and thus contributing to a greater mutual awareness. This is a lengthy process which aims to shape societies and cultures,  rendering them more and more a reflection of the multi-faceted gifts of God to men”.

The Lord Jesus witnesses to us the paternity of God, who sent his Only Son to build the world according to the measures of love, where the lost sheep, the stone cast aside and the prodigal son are the objects of care, attention and charity of the Father. A father who desires that all shall be saved and  the dignity of all shall be recognized.

To be converted also means overcoming an antithesis between those inside and those outside, between those born in a territory and those who arrive there, and turn it into a synthesis which is that of love, in which we  go beyond ourselves and understand the sense of loss and bewilderment of many men and women.

International institutions continue to become more aware of the migratory phenomenon. The United Nations Summit which took place in New York on 19th September 2016, demonstrated the wish to intensify efforts in favor of migrants and refugees, to save their lives and protect their rights by sharing this responsibility on a global level.  For such purposes, the Member States undertook to draft and approve two Global Compacts by the end of2018, one dedicated to refugees and one to migrants.

The Church which has always reflected on the problem of migrants and refugees, most recently through the Migrants and Refugees Section (headed personally by the Pope) in the Vatican Department of Integral Human Development, has, after consulting various episcopal conferences and catholic NGO’s, drafted Twenty Points of Action  based on the so-called “good practices” , a concrete and implementable answer.

We must learn and understand and welcome all those who are suffering from war and hunger. We must seek out with courage among our “virtues” also that side of our character which  often takes after that of the Pharisees, in order to enter into another dimension of human fraternity based on reconciliation. It is not enough to use the Gospels as the basis of a strange etiquette: this is hypocrisy. We must eliminate all obstacles on the path to fraternity and make the House of the Father the house of all comers, no-one excluded.


Leave a comment

La coscienza del bene ci salva

qualche riflessione sul viaggio del Papa in Cile e Perù.

don Enrico Ghezzi

Parlando con i giornalisti, nel viaggio verso il Cile Papa Francesco ha riflettuto sul timore di una guerra nucleare. Sembrerebbe una ipotesi di una realtà impossibile da immaginare. Ma gli uomini sono capaci di tuto trasformando il potere di fare il bene, da cui furono dotati da Dio, al potere di fare il male. I milioni di morti nelle guerre ancora fresche di memoria, non  servono a niente. La storia ricorda ma non insegna.

Bisogna educarci al bene; il bene seminato nel cuore di ogni uomo deve prevalere  sul  male vissuto nell’anima di poche persone. E’ necessario “vedere”il bene per vincere il male. Non basta perciò riportare le parole del Papa: bisogna affermare con le parole, con le opere, con la bontà e la tenerezza, tutto ciò che fa pensare l’umanità ad esigere che il bene vinca sul male. Ma le paure e il disinteresse dei popoli spingono  ad adattarsi al destino di quello che verrà. E’ la coscienza del bene che ci salva.