ConAltriOcchi blog – 以不同的眼光看世界-博客

"C'è un solo modo di vedere le cose finché qualcuno non ci mostra come guardare con altri occhi" – "There is only one way to see things, until someone shows us how to look at them with different eyes" (Picasso) – "人观察事物的方式只有一种,除非有人让我们学会怎样以不同的眼光看世界" (毕加索)


Leave a comment

Migranti e rifugiati : i “lebbrosi” del mondo di oggi

Ieri 20 Giugno si è celebrata La Giornata internazionale del rifugiato, indetta dalle Nazioni Unite,  per ricordare l’approvazione nel 1951 della Convenzione relativa allo statuto dei rifugiati da parte dell’Assemblea generale dell’ONU.

La Parola di Dio è ricca di indicazioni su come affrontare questa problematica così stringente e quotidiana. Nel  libro del Levitico si parla della figura del lebbroso; il lebbroso non era solo un escluso dal villaggio, ma doveva gridare lui stesso «sono immondo». L’esclusione lo toccava dentro, nella coscienza, diventava quasi una sua identità di cui era anche lui consapevole. Questo contrasto tra il villaggio e il lebbroso lo possiamo proiettare lungo i secoli e lo viviamo ancora oggi. Il villaggio siamo noi, le nostre città, il nostro vecchio occidente, il nostro sistema economico impazzito, a volte è anche la Chiesa, quando è clericalizzata, quando non è in uscita come vuole Papa Francesco.

Ma, siccome la nostra società occidentale rivendica di ispirarsi ai grandi principi dell’uguaglianza e della fraternità, cari alla tradizione illuminista che è nata e si è sviluppata in Europa, cuore del Cristianesimo, essa si trova a professare una grande menzogna. Fa finta di voler inserire in sé, dentro il villaggio europeo e occidentale, l’escluso (il migrante, il clandestino, il senza fissa dimora, il carcerato …) ma non ci riesce. Perché non ci riesce? Perché dovrebbe guardarsi veramente dentro e contestare se stessa, il suo operato, quello che sta diventando, ed esportando nel mondo, ma non ne ha il coraggio, anzi meglio non ne abbiamo il coraggio.

I migranti sono i lebbrosi del ventunesimo secolo, del mondo di oggi. La società non ha altro luogo di esclusione che i campi di “accoglienza”, a volte quasi dei “lager” moderni dove rinchiudere le nostre ipocrisie e i nostri egoismi.

Allargare i confini del villaggio perché ci sia posto anche per quelli che sono esclusi, aggiornare le sue regole, essere veramente un villaggio globale, questa è la via che il Papa continuamente indica  dando  voce a coloro che voce in capitolo non ne hanno, che sono in balia di un futuro incerto, anche spaventoso. Allargamento dei confini, abbattimento dei muri, globalizzazione della solidarietà: possono essere l’ultimo lembo della nostra dignità.

Non dimentichino il mondo e l’occidente scristianizzato o peggio ancora apatico, indifferente e in preda a mode spiritualiste individualistiche, che Gesù ha vissuto l’esclusione, il rifiuto, l’abbandono. Già il Messia che doveva venire era atteso dai profeti come una pietra scartata. Gesù Bambino e la Santa Famiglia di Nazaret hanno vissuto da migranti, forse potremmo dire anche rifugiati, per molti anni, prima di poter tornare nella loro terra.

Papa Francesco oggi, con ancora maggiore forza, ha detto ancora che Gesù è venuto a svegliare la coscienza degli scartati di oggi, perché smettano di considerarsi legittimamente esclusi e sappiano che Dio è dalla loro parte e non devono perdere mai la speranza. Guai invece a quelli del villaggio se si chiudono nelle loro mura: guai agli Scribi e ai Farisei di oggi.

Gesù ha sancito una volta per sempre il crollo della struttura portante del villaggio arroccato nelle sue mura e agghindato con i suoi templi moderni, evanescenti e vuoti: “Non rimarrà pietra su pietra” se non diventa un villaggio globale, solidale e aperto, per tutti, in nome della nostra comune umanità. Chiediamo al Signore l’umiltà e il coraggio di allargare l’accampamento, aprire il fortino e abbassare le mura di cinta, altrimenti noi e prima ancora i nostri figli verremo travolti e soffocati dalle nostre stesse fortezze inespugnabili.

Advertisements


Leave a comment

Exemplary servants of the gospel

Pope Francis pilgrim on the road of Father Mazzolari e Father Milani

In Bozzolo, Pope Francis was welcomed by the Bishop of Cremona, Monsignor Antonio Napolioni, who immediately announced that the process to beatify Don Primo Mazzolari will start on 18th September next.  The Pope then went to the Parish of Saint Peter’s to pray on the tomb of Don Primo Mazzolari where he made a truly memorable address speaking, among other things, of the  “magisterium of the parish priests”.

In Barbiana he was welcomed by Cardinal Giuseppe Betori, Archbishop of Florence and where he also wished to pray at the tomb of Don Lorenzo Milani on the fiftieth anniversary of his death.  In church he met the Prior of Barbiana’s students and then gave a commemorative address in the forecourt of Don Lorenzo’s vicarage which will be very difficult to forget. His educative passion represented faithfulness to the Gospel and to all those who were entrusted to his care, said the Pope.  He then added: “today, the Bishop of Rome recognizes in that life an exemplary way of serving the Gospel, the poor and the Church; take Don Lorenzo’s torch and carry it onwards”.

Don Primo Mazzolari and Don Lorenzo Milani, are ” two priests who offer us a message which we truly need today”, said Pope Francis last Sunday during the Angelus prayer.

Recently, from many places in and outside the Church there have been various analyses and comments on this pilgrimage of the Pope.  Some have spoken of “rehabilitation”, others of “homage” for two priests who were always in the front line of their ministry.  Whatever the right interpretation, it is a good thing to leave room for the facts.  Pope Francis knelt before two great protagonists of the Church and Italian society in the twentieth century, recognizing in them a Church which placed itself at the service of the poor and announced the Mercy of Christ for everyone.  

This act of kneeling is of strong symbolic importance.  As we all know very well, Don Mazzolari and Don Milani were not short of “enemies”, as today there is no shortage of these for Pope Francis. They are enemies of  various origin, especially ecclesial ones and among these there are those who, at the first breath of wind, change flags, ready to change again whenever necessary. It’s like listening once more to the story of St. Paul when he recounts his experience of: “perils among false brethren”    ( 2Cor 11,26).  Opposition to the Church of the Poor and the Last is very active on the web and in some traditionalist blogs.  They accuse the Pope today, as they accused Don Primo and Don Lorenzo yesterday, of having thrown the Church into doctrinal, moral and pastoral confusion. Curiously, these blogs speak to each other, quote each other almost as if they were young Fathers of the Church. In reality, it is these defenders of an old church,  a church that no longer exists, who are in confusion today, who have been an elitist community for much too long, without any  sensitivity and  ignoring different voices, ignoring the poor. During the papacies of John Paul II and Benedict XVI, some lay and clerical pseudo Catholics reduced a part of the Church to a cavern of thieves  behind the backs of the two Popes, carrying on their business intrigues with the powerful people of the times, betraying the Gospel for a few pence; scheming with both the gay and financial lobbies, contracting out all evangelization work to the ecclesial movements, humiliating the parishes and the people of God; pseudo Catholics who defend principles by which they do not live and judge the dramas of people to whom they don’t listen, with whom they share nothing.

It is of paramount importance that we return immediately to the Church of Mazzolari, Milani and Pope Francis who divulge the Gospel with the Spirit of the Council, to attract not to proselytize.

It is with the strength of the prayer of Jesus and the Church as a whole that Pope Francis is undertaking his pastoral mission to bear witness to his brothers in the faith. He started off, as we all know, from the “outskirts”, from the island of Lampedusa, indicating to the world the centrality of both physical and existentialist outskirts.

Today, in Bozzolo and Barbiana, Pape Francis affirmed that the eye of the needle through which we need pass in order to speak to God is the outcast.   Every day, the cries of the outcast strike us, louder and louder,  “overturning” our Church pews, calling our attention back to essential things.

The Pope reminds us that the “Good News” of Jesus is not a new philosophy but the answer to the desire of all men throughout the ages: to be loved and free from slavery.

Whoever cures the wounds of the world, defends his people, teaches true freedom, excludes no-one a priori, is in the very heart of God.

Pope Francis, who came from the “end of the world”, today turned his face towards the entire world and the entire Catholic Church by indicating these two priests as models of the Gospel.

The Gospel reminds us that the Good Shepherd knows his sheep. Pope Francis has made the “ odour of the sheep” the perfume of all missionary works. And it is the odour of the sheep, says Pope Francis, which can reawaken the Church, people’s suffering and solitude, their desire for life and redemption, the frontier on which to build the field hospital which is the Church.

Let us thank the Lord for the gift of Don Primo and Don Lorenzo and let us ask the Spirit to give us the strength to carry on teaching the Gospel with their courage and coherence.  Let us also ask the same Spirit go give us the humility to ask for forgiveness, as baptized persons, as lay persons, as priests and as the Italian Church, from these two great witnesses of Christ.

From today onwards, after this pilgrimage made by Pope Francis, unless the Italian Church, and indeed the entire Catholic Church, follows in the footsteps of Don Mazzolari and Don Milani, it will be a Church that disobeys the Spirit and Peter.


Leave a comment

We do not love in words but with facts

Reflections on Pope Francis’s Message on the World Day of the Poor.

On November 19th, in the 33rd Sunday of Ordinary Time, the first World Day of the Poor will be celebrated by the entire Catholic Church and by men of good will,  which Pope Francis had already announced at the end of the Jubilee of Mercy. On that day as a sign of sharing, after having celebrated the Mass in St. Peter the Pope will invite 500 poor people to lunch in the Paul VI Hall, the audience hall bearing the name of the great pope of Populorum Progressio. The previous day (Saturday 18) there will be a Prayer Vigil in the Church of St. Lawrence outside the Walls, to remember the Roman martyr who recognized the poor as a true treasure in the church.

I invite the whole Church, and men and women of good will everywhere, to turn their gaze on this day to all those who stretch out their hands and plead for our help and solidarity.  They are our brothers and sisters, created and loved by the one Heavenly Father. “(Message for the World Day of the Poor to No. 6).

We do not love in words, but with facts” is the title of Pope Francis’s first message for this day. The Pope speaks of “a thousand faces marked by suffering, marginalization, oppression, violence, torture and imprisonment, war, deprivation of freedom and dignity, ignorance and illiteracy, medical emergencies and shortage of work, trafficking and slavery, exile, extreme poverty and forced migration.“(n. 5).

It is not surprising the fleeting attention, even within the Church, to the proclamation of this world day. Not surprising but bitter, and we are all called to react strongly to indifference to the poor.

Those who have a lot of money and a lot of security are likely to live like the “carefree of Zion” spoken by the prophet Amos, and a whole world is being built, and even if there are thousands of Lazarus at his door, he does not even realize. The rich man of our years sometimes finds out and then makes some alms for the poor, gives some old dress that no longer puts, even though it does not have the Lazarus disorder at its door.

In all the Catholic Church, the parable of rich man is often read but tomorrow Lazarus will be as it is today without any changes. Unfortunately, Jesus’ message has often been imprisoned in the system and we have made it a little harmless; the message doesn’t affects our real life. This is the abyss of which the Gospel speaks. We also all see that the abyss between the Lazarus and the rich man has widened and is widening to a great extent.

We have for centuries determined that we cannot allow the promiscuity between those who are inside and those who are out. Lazarus must be out of the system and from our cities, using the Bible expression, out from the camp. Lazarus then is not only excluded but must also be convinced that it is normal so and  that is right. Exclusion affects him in consciousness.

Our society, however, says that it is inspired by the great principles of Christianity, the Enlightenment, and the Democracy, and then it tries to accept (perhaps not truly)  Lazarus the excluded, but it fails, because it should review its own principles constituent. Immigrants are the Lazarus of the twenty-first century and we only know how to widen the moat.

Christians and all humanity do not forget that God is on the side of the Lazarus, indeed God in this world is Lazarus. Jesus went among the uncleanness to teach them to stop being unclean, and looking at our cities and our system Jesus explained that the real Lazarus, the real immoderate, is our system. This is the Christian Revolution. Jesus came to wake the conscience of the excluded because they ceased to be considered legally excluded, because they know that dignity is their inalienable right. The system then tried to tame Jesus by “promoting him” as a guardian of the order, failing because He went  against a system that excludes, rebellion against political, religious and economic power. For this reason he has been crucified as a Lazarus any: “As a criminal you have hung on a wood” says Peter in the first speech after Pentecost. The Beatitudes tell us that the Lazarus have already won in Christ their battle of dignity. They are meeting us now, and they are millions. They do not want to destroy, but tell us the Word of Salvation that was entrusted to them. Blessed the Poor because yours is the Kingdom of God will tell Jesus. Yours is the secret of life.

Riches are not an end, but an instrument in the hands of men. Often riches have become an iniquitous tool because man has used it to dominate other men and subjugate entire peoples to control some elites. We have arrived in history even to the planned and calculated extermination of the poor, as the prophet Amos recalls. Thanks to God, the cultural progress of peoples is favoring a growing awareness of the need for a fairer distribution of the riches of the planet. Some international organizations and some of the more developed nations are struggling for new social equilibrium, but the battle is still very long and difficult. Jesus invites his disciples to be “shrewd” in the use of riches. He asks for each of us a different relationship with riches both individually and in community. For this reason, the private gesture of alms no longer suffices; we need to act so that wealth can become an instrument of liberation and reconciliation among peoples; this is the concreteness of the gospel, which by its nature is a social fact. History teaches us that not a few have moved away from the Church and the faith because they have received a bad testimony in the use of money and wealth. We are witnessing these years as Christians and citizens of the world with two very important facts. Pope Francis is witnessing the concrete possibility of a poor Church for the poor, and it is an extraordinary gift from the Lord, an example that stimulates us for new conversion. Moreover, at the same time, we are witnessing the fact that many poor people are – we would say so-resuming the gospel, often hidden behind them, in words of circumstance and humiliating alms. The poor today are aware that the gospel is first and foremost for them, and are no longer willing to wait for their rights and dignity. We carefully read and meditate in this regard the prophetic words of Don Primo Mazzolari, a poor priest among the poor to whom Pope Francis will honor, praying on his grave in a few days:I have never counted the poor because the poor cannot count; the poor embrace, they do not count. Yet there are those who keep the statistics of the poor, and they are afraid; Fear of a patience that can also be tired, afraid of a silence that could become a scream, afraid of a lament that could become a song, afraid of their rags that could become a flag, fear of their tools that could be barricaded. ” This is already happening.


Leave a comment

Esemplari servitori del vangelo

Papa Francesco pellegrino sulle orme di don Primo Mazzolari e don Lorenzo Milani

Papa Francesco a Bozzolo è stato accolto dal vescovo di Cremona, mons. Antonio Napolioni, che ha subito annunciato l’avvio del processo di beatificazione di don Primo Mazzolari il prossimo 18 settembre. Si è poi recato nella parrocchia di San Pietro per pregare sulla tomba di don Primo Mazzolari, e tenendo un memorabile discorso, dove tra le altre cose ha parlato del “magistero dei parroci”.

A Barbiana è stato accolto dal cardinale Giuseppe Betori, arcivescovo di Firenze e anche qui ha voluto subito recarsi a pregare sulla la tomba di don Lorenzo Milani a 50 anni dalla morte. In chiesa ha poi incontrato gli studenti del priore di Barbiana e tenuto un discorso che sarà difficile dimenticare sul piazzale davanti la canonica di don Lorenzo. La sua passione educativa è stata fedeltà al vangelo e a tutti coloro che gli erano affidati ha detto il papa. Poi ha aggiunto:” Oggi il vescovo di Roma riconosce in quella vita un modo esemplare di servire il vangelo, i poveri e la chiesa; prendete la fiaccola di don Lorenzo e portatela avanti”.

Don Primo Mazzolari e don Lorenzo Milani, sono ” due sacerdoti che ci offrono un messaggio di cui oggi abbiamo tanto bisogno”, ha detto papa Francesco domenica scorsa alla preghiera dell’Angelus.

In questi giorni da più parti nella Chiesa e fuori, si sono succedute varie analisi e commenti su questo pellegrinaggio del papa; alcuni hanno parlato di “riabilitazione”, altri di “omaggio” per due sacerdoti sempre in trincea nel loro ministero. Quale che sia la giusta interpretazione, è bene lasciare spazio ai fatti. Papa Francesco si inginocchia davanti a due grandissimi protagonisti della chiesa e della società italiana del Novecento, riconoscendo in loro una Chiesa che si mette a servizio dei poveri e annuncia la misericordia di Cristo per tutti.

Questo mettersi in ginocchio è un atto dalla forte valenza simbolica. Non sono mancati come tutti sanno molto bene i “nemici” di don Mazzolari e don Milani, come oggi non mancano quelli di papa Francesco. Sono nemici di varia provenienza specialmente ecclesiale e tra questi ci sono anche coloro che al primo soffio di vento, cambiano bandiera, pronti a ricambiarla ogni volta che sia necessario. Pare riascoltare l’esperienza di San Paolo quando raccontando la sua storia parla di:“pericoli da parte di falsi fratelli”( 2Cor 11,26). L’opposizione alla Chiesa dei poveri e degli ultimi è molto attiva sul web e su alcuni blog di tradizionalisti; essi accusano oggi il papa, come ieri don Primo e don Lorenzo, di aver gettato la Chiesa in confusione dottrinale, morale, pastorale. Curiosamente questi blog parlano tra di loro si citano l’uno con l’altro quasi fossero novelli Padri della Chiesa. In realtà in confusione sono oggi questi difensori di una chiesa vecchia, che non c’è più, che si sono presi spazio esclusivo per troppi anni, ignorando sensibilità e voci differenti, ignorando i poveri. Alcuni pseudo cattolici laici e chierici che negli anni di pontificato di Giovanni Paolo II e Benedetto XVI, alle spalle dei due pontefici, hanno ridotto una parte della Chiesa ad una spelonca di ladri, brigando i loro affari con i potenti di turno, svendendo il Vangelo per quattro spiccioli; tramando nelle lobby gay e in quelle finanziarie, appaltando ai movimenti ecclesiali ogni opera di evangelizzazione, umiliando le parrocchie e il popolo di Dio; pseudo cattolici che difendono i principi che non vivono, e giudicano i drammi delle persone che non ascoltano, con cui non condividono.

Bisogna ritornare urgentemente alla chiesa di Mazzolari, Milani e papa Francesco che con lo Spirito del Concilio trasmettono il vangelo per attrazione e non per proselitismo.

E’ con la forza della preghiera di Gesù e di tutta la Chiesa che papa Francesco sta compiendo il Suo viaggio pastorale per confermare i suoi fratelli nella fede. E’ partito come sappiamo dalla periferia, da Lampedusa, indicando al mondo la centralità delle periferie fisiche ed esistenziali.

Oggi a Bozzolo e a Barbiana, Papa Francesco ci testimonia che la cruna d’ago attraverso cui passare per parlare di Dio è l’uomo scartato. Dare la vita per gli scartati, proprio come Gesù, anche Lui uomo brutalmente scartato.  Ogni giorno, sempre più forte il grido degli scartati ci investe e “rovescia” i banchi delle nostre chiese, richiamandoci alle cose essenziali.

Il papa ci ricorda che la “Buona Notizia” di Gesù non è una nuova filosofia, ma è la risposta al desiderio di tutti gli uomini di ogni tempo, di essere amati e liberati da ogni schiavitù.

Chiunque curi le piaghe del mondo, difenda il suo popolo, educhi alla vera libertà, non escluda nessuno a priori, è nel cuore stesso di Dio.

Papa Francesco venuto “dalla fine del mondo” oggi ha volto lo sguardo all’intero mondo e all’intera Chiesa cattolica, indicando questi due sacerdoti come modelli del vangelo.

Il Buon Pastore conosce le sue pecore ci ricorda il vangelo. Papa Francesco ha fatto dell’” odore delle pecore” il profumo di ogni opera di evangelizzazione. E’ l’odore delle pecore dice papa Francesco, che può risvegliare la chiesa, il dolore e la solitudine delle persone, la loro voglia di vita e di riscatto, la frontiera sulla quale costruire l’ospedale da campo che è la Chiesa.

Ringraziamo il Signore per il dono di don Primo e don Lorenzo e chiediamo allo Spirito la forza di continuare a trasmettere il vangelo con la loro audacia e coerenza; chiediamo anche allo stesso Spirito l’umiltà di sapere chiedere perdono come battezzati, come laici, come sacerdoti, come chiesa italiana a questi due grandi testimoni di Cristo.

Da oggi dopo questo pellegrinaggio di papa Francesco, la chiesa italiana e  la chiesa cattolica tutta, o si modella sulle orme di don Mazzolari e don Milani, o sarà una chiesa disobbediente allo Spirito e a Pietro.

 


Leave a comment

Eucharist bread for all

 

“For as often as you eat this bread and drink the cup, you proclaim the death of the Lord until he comes”

The earliest text on the Eucharist – the Letter to the Corinthians (53/57) – speaks to us about the fact that the Eucharist is in connection with the death of Jesus. The Lord is dead delivering himself and allowing himself to be taken from his enemies. Celebrate the Eucharist wants to teach us how to live. We hate to lives by giving ourself  as did Jesus and as also did the apostles. A Church that thinks to defend itself, is no longer a church.

It is the Gospel to live by delivery and it is the path to be fulfilled to have eternal life. We celebrate the Eucharist “as long as he comes”, waiting for him to return, believing that death has not defeated him, because those who live by giving for love have a stronger life than death.

The Eucharist is a way of life, not a rite. We are all very concerned at the risk of reducing the Eucharist to a private, intimate devotion, as if everything could be resolved in the exclusive relationship between myself and the Lord, closed to others and history. There are two current dangers in this regard.

In the book of Deuteronomy, we see the danger of nostalgia of other times: the people with the hard cervix resists the Spirit. Even today we have some people like that, resent the times of tranquility and of triumphant church, when the churches were full, and the lavish liturgies, the imposing ostensors to “suffocate” the fragility of the Sacred Ostia; Times which were, however, of injustice, of power, of money, of clericalism, where Christ was not there.

The danger of spiritualism And the bread that I will give is my flesh.God’s life is not outside of human reality. There can be no gift of the Spirit where there is also the gift of the flesh. Jesus specifically says in chapter 6 of the Gospel of John: “Whoever meats my flesh.” The chewing verb in Greek is very strong and means “shredding, shattering”. The Gospel is not an ideal, but the concordance of bread and flesh.

imageLuke’s Gospel in the tale of the multiplication of loaves and fish also offers us a very important indication

Everyone ate and satiated, and twelve baskets were carried out of their advanced parts.

There is no one who, coming to the banquet of the Messiah, is forced to return to fast. Indeed, there are loaves that are reserved to those who are left out of the canteen. We think, and pray, for all Christians living in a state of persecution, and can not celebrate the Eucharist; Pray for those who can not approach the sacraments and await the mercy of the Lord and the Church, not the hardness of the law; We pray for churches on mission land, where the priest arrives once a month; Pray for all those who have never met who the Lord, and also for those who have gone away for our fault and our contradictions. Let us pray because at the table to which Jesus wanted to sit, there really is a place for everyone, and no one is excluded, no one is missing; Perhaps then that will be the day he will return.

 


Leave a comment

Eucarestia pane per tutti

imageOgni volta infatti che mangiate di questo pane e bevete di questo calice, voi annunziate la morte del Signore finché egli venga

Il più antico testo sull’Eucaristia – la Lettera ai Corinzi (53/57) – ci parla del fatto che essa è in connessione con la morte di Gesù. Il Signore è morto, consegnandosi, lasciandosi prendere dai nemici, non chiedendo nessuna difesa agli amici. Celebrare l’eucaristia vuole insegnarci come vivere. Si vive consegnandosi, senza difendersi, come ha fatto Gesù, come hanno fatto gli apostoli. Una Chiesa che pensa a difendersi, non è più chiesa.

Vivere consegnandosi, è il Vangelo, è il percorso da compiere per avere la vita eterna. Noi infatti celebriamo l’Eucaristia “finché egli venga”, aspettando che Lui ritorni, credendo che la morte non lo ha sconfitto, perché chi vive consegnandosi per amore, ha una vita più forte della morte.

L’Eucaristia è un modo di vivere, non un rito. Stiamo tutti molto attenti al rischio di ridurre l’Eucarestia ad una devozione privata, intimistica, come se tutto potesse risolversi nel rapporto esclusivo tra me e il Signore, chiusi agli altri e alla storia

A questo proposito ci sono due pericoli sempre attuali.

Nel libro del Deuteronomio vediamo il pericolo della nostalgia di altri tempi: il popolo dalla dura cervice resiste allo Spirito. Ancora oggi alcuni come quel popolo, rimpiangono tempi di tranquillità, tempi della chiesa trionfante, quando le chiese erano piene e le liturgie fastose, gli ostensori così imponenti da “soffocare” la fragilità dell’Ostia Sacra; tempi che erano però, di ingiustizia, di potere, di denaro, di clericalismo, dove Cristo non c’era.

Il pericolo dello spiritualismo «E il pane che io darò è la mia carne». La vita di Dio non è al di fuori della realtà umana. Non ci può essere dono dello Spirito dove non ci sia anche il dono della carne. Gesù, dice precisamente, nel capitolo 6 del vangelo di Giovanni: “Chi mastica la mia carne”. Il verbo masticare in greco è molto forte e significa “triturare, spezzettare”. Il Vangelo non è un ideale, ma la concretezza del pane e della carne.

Anche il Vangelo di Luca nel racconto della moltiplicazione dei pani e dei pesci ci offre una indicazione molto importante

 Tutti mangiarono e si saziarono e delle parti loro avanzate furono portate via dodici ceste.

Non c’è nessuno che, venuto al banchetto del Messia, sia costretto a tornarsene a digiuno. Anzi, ci sono dei pani che sono riservati a chi è rimasto fuori dalla mensa. Pensiamo, e preghiamo, per tutti i cristiani che vivono in situazione di persecuzione, e non possono celebrare l’eucaristia; preghiamo per chi non può accostarsi ai sacramenti e attende la misericordia del Signore e della Chiesa, non la durezza della legge; preghiamo per le chiese in terra di missione, dove il sacerdote arriva una volta al mese; preghiamo per tutti quelli che non hanno mai incontrato chi il Signore, e anche per coloro che si sono allontanati  per colpa nostra e delle nostre contraddizioni. Preghiamo perché al tavolo a cui Gesù  si è voluto sedere, ci sia veramente un posto per tutti, e nessuno venga escluso, nessuno manchi; forse allora quello sarà il giorno in cui Lui ritornerà.

 


Leave a comment

La Trinita’ ci dice che la molteplicità appartiene a Dio

“Nella famiglia umana, radunata da Cristo, è restituita l’immagine e somiglianza della Santissima Trinità, mistero da cui scaturisce ogni vero amore” (Papa Francesco, Amoris laetitia, 71).

Per parlare della Trinità non è bene avventurarsi in speculazioni teoriche, ma guardare alla concretezza dell’amore. L’amore che lega il Padre nella forza dello Spirito.

“Lo Spirito mi glorificherà: prenderà del mio e ve lo annuncerà” (Gv 16,14). La vita di Gesù, la Sua testimonianza che supera ogni confine e abbatte ogni barriera, sono per ognuno di noi l’esempio da imitare, il cammino da fare insieme. Gesù dona a noi, attraverso il Suo Spirito, tutto ciò che è Suo, e anche in questo darsi, in questa comunione con noi, manifesta la Sua Gloria, la Sua gioia.

“Tutto quello che il Padre possiede è mio”. La Gloria del Padre è quella del Figlio, ma per puro dono è e sarà anche la nostra gloria, se avremo risposto giorno dopo giorno alla nostra vocazione cristiana. Vivere relazioni di gratuita’, essere testimoni bellezza, fuggire non solo il male ma anche la tanto diffusa mediocrità, in una parola vivere le beatitudini evangeliche, tutto questo manifesta e ci rende partecipi della Gloria di Dio.

Il mistero della Trinità ci dice inoltre che la diversità, la molteplicità, appartengono originariamente a Dio e quindi noi dobbiamo guardare con rispetto e attenzione ad ogni diversità e molteplicità.

Il nostro annuncio del Vangelo, la nostra pastorale hanno bisogno per essere efficaci, di entrare, guidati dallo Spirito, nella vita delle persone, nei luoghi e nelle società dove palpita il cuore della modernità, con “immensa simpatia” come diceva Paolo VI. Il mondo a volte così diverso noi, cosi molteplice e complesso, ha però dentro di se i semi del Verbo, ed è già amato dal Signore.

Molte cose il Signore ha ancora da dirci come ci ricorda il Vangelo, ma già sappiamo che saranno parole di amore e riconciliazione. Nessun ostacolo, nessuna difficoltà, nessuna forza umana potranno impedirci, se noi lo desideriamo, di essere nella Gloria di Dio.