ConAltriOcchi blog – 以不同的眼光看世界-博客

"C'è un solo modo di vedere le cose finché qualcuno non ci mostra come guardare con altri occhi" – "There is only one way to see things, until someone shows us how to look at them with different eyes" (Picasso) – "人观察事物的方式只有一种,除非有人让我们学会怎样以不同的眼光看世界" (毕加索)


Leave a comment

Papa Francesco pellegrino di pace in Egitto 

Pope of peace in Egypt of peace”. E’ il motto scelto per il viaggio che inizia di Papa Francesco in Egitto. Papa Francesco sta per atterrare all’aeroporto internazionale de Il Cairo. E’  il suo diciottesimo viaggio internazionale dove il dialogo interreligioso, e la pace saranno i temi portanti.Dopo la visita di cortesia al presidente della Repubblica, Abdal Fattah Al-Sisi, andrà ad Al-Azhar, la maggiore università dell’Islam sunnita, e incontrera’ il grande imam Ahmad Al-Tayyeb, partecipando alla Conferenza internazionale sulla Pace dove terra’ un attesissimo discorso. Subito dopo il Santo Padre incontrera’ le autorità egiziane, e poi fara’ visita al Patriarcato copto-ortodosso incontrando il patriarca Tawadros II. Con il patriarca il Papa preghera’ nella vicina chiesa di San Pietro, luogo del recente attentato rivendicato dall’Isis.

Colpisce di questo viaggio,l’attesa gioiosa e piena di speranza che si registra in tutti gli ambiti religiosi e civili egiziani. Dai mussulmani ai copti ortodossi e cattolici, fino agli apparati governativi e alla gente comune, Papa Francesco e’ riconosciuto come uomo di pace e grande autorità morale e spirituale.

Accompagnamolo  con la nostra preghiera .

Advertisements


Leave a comment

Resurrection is the Good News of Jesus

We believe that the God, who created the universe and has given beauty to the flowers and gave the stars to heaven and the sky to the stars  and who gave life to us , preserves this life with Him for always. The Liturgy says: “To your faithful Lord life is changed not ended.” Jesus Christ is the one in whom the mystery of dying and living has been accomplished. Resurrection is the Good News of Jesus Christ.

But we must live and enjoy every day this Good News, as a daily bread, and this because Jesus did so and this recommended us. When He gave sight to the blind, this was already resurrection, when he gave bread to the hungry, this was already resurrection. When in front of Pilate he said “You would have no power over me unless it were given to you from above” he broke the chains of the Roman empire and of every empire, and  this was already resurrection. Jesus, before ever living the Father’s gift of life, has freed a lot of people from daily deaths.

If we want to be Christians we have to thank the philosophy reflecting on the mystery of life and the science that tries to make life and death more dignified, but we can not resign ourselves to accept any sepulcher.

We believe that death is not a natural event, but the event of a nature corrupted by the mystery of evil and sin; We believe that joy, happiness, and life are a natural event. We are made for life and this is our nature. When we say that Jesus Christ is “true man” this means not only the great gift of the Incarnation on Christmas night, but also how a man as to be:  a “true man”, the man as God had thought when He created him, immortal.

In the mystery of our Redemption we have the blood and the tears: the Blood of the Son and the Mother’s tears. Think what extraordinary thing: a place, the Calvary, at the foot of the Cross, where blood and tears meet.

Jesus, on Naim’s road, stood in front of the unique son’s coffin for the tears of that poor Mother. The weeping of Martha and Mary weaves him to tear before than do the miracle. Every time a mother weeps, everywhere someone cries for love, there are the blood and tears of Jesus and Mary.

The Risen Lord did not stop crying but invites us to go further: “Woman why are you weepingWho are you looking for?” (Jn 20,15) Each of us has to discover the faith that is in that question: “who seek?”. This is explained  so many times in Writing. We must never stop looking for; we have to seek together and not between the dead but among the living as the Risen Lord teaches us.

Jesus Christ came to restore life forever, in the wait of meting Him one day: “I have come so that they may have live and have it to the full” (Jn 10:10)


Leave a comment

Our task in history: to announce the primacy of love

In the passage of the Acts of the Apostles (Acts 14: 21-27) Saint Paul establishes and organizes communities; I am the Body of Christ in the world. Names of people and geographic locations are involved when The Gospel becomes history. It is the logic of the Incarnation that enters into the concrete life of everybody.

In the text of the Apocalypse (Ap 21: 1-5), we see the Holy City descending from above, a city where all old things have passed and only love remains forever. We and our communities live challenged between these two absolute polarities: Christ the Lord with His Word and His gestures and the expectation of His return to Glory, when we will live together in the Holy City. Our task in history is to announce the primacy of love, is to become yeast and light in the story so often terribly dark. Our faith makes us – as Scripture says – “capable of enduring many difficulties”.

Easter is not an historic alternative, but it is the pulsating heart of our day, it is the concrete and living sense immersed in the heart of time and space. We ask for the intercession of Saint John the Apostle and the Evangelist, “the disciple loved  by Jesus”, to love more and better and to be masters in humanity as Paul VI remembers and to recognize us as disciples loved by the revealing Christ of our Father in heaven.


Leave a comment

Resurrection has no masters but witnesses

In the Gospel the Sadducees (who resolutely denied resurrection from the dead) attempted to divide Jesus from the people, fearing a Roman repression. The Sadducees were a spiritual stream of Late Judaism and together with the Pharisees formed the ruling class of Israel. They were cultured, coming from priestly families, aristocrats, and by their ranks were the chief priests who represented all Israel in front of the Roman occupation.

The Good News of Resurrection divides; even Saint Paul in Athens’ Areopagus will experience this division: “We would like to hear you talk about this another time.” (Acts 17, 32). We must not create divisions; all creatures are daughters of the resurrection. We who have received baptism have the task of announcing this Word of Hope. We must proclaim it, spread it but without the hardness of those who feel master of truth, because the truth of the resurrection has no masters, but only witnesses.

The book of Maccabees tells, while they were fighting Antioco IV Epiphans, they witnessed their faith by offering their life for the love of the people. How many men and women did the same in history. Let us remember the Blessed Bishop Romero a few days before being killed said: “I will resuscitate with my people of Salvador who will rise again”

Resurrection is strongly connected with justice says the Scriptures and should bring all the usurpers down and instead we see that many are still in their place; this means that our faith is somewhere corrupted, alienated, thinking to heaven but no longer making choices that allows the liberation of the oppressed on earth. The Word has “released us from corrupt and wicked men”,  says Saint Paul.

Why are you looking for the dead who is alive? These words of the evangelist Luke maintain intact their beauty. The God of Jesus Christ is the one who is alive;  this is His name. If He is alive, He calls me, He looks for me,  He asks for works of righteousness, of liberation and charity. In the  waiting of being able to meet Him in the Glory of the resurrection.


Leave a comment

La resurrezione non ha padroni ma testimoni

Nel Vangelo i Sadducei (che negavano risolutamente la resurrezione dai morti), tentano di dividere Gesù dal popolo, temendo una repressione romana. I Sadducei erano una corrente spirituale del tardo Giudaismo e insieme ai Farisei formavano la classe dirigente di Israele. Erano colti, provenienti da famiglie sacerdotali, aristocratici, e dalle loro fila venivano i sommi sacerdoti che rappresentavano tutta Israele davanti l’occupante romano.

La buona notizia della Resurrezione divide; anche San Paolo nell’Areopago di Atene sperimenterà questa divisione : “su questo ti ascolteremo un’altra volta” (At 17,4). Non dobbiamo creare divisioni; tutte le creature sono figlie della resurrezione. Noi che abbiamo ricevuto il battesimo abbiamo il compito di annunciare questa Parola di Speranza. La dobbiamo proclamare, diffondere ma senza la durezza di chi si sente padrone della verità, perché la verità della resurrezione non ha padroni, ma solo testimoni.

Narra il libro dei Maccabei, che mentre combattevano Antioco IV Epifane testimoniarono la loro fede offrendo la vita per amore del popolo. Quanti uomini e donne hanno fatto allo stesso modo nella storia. Ricordiamo il beato vescovo Romero pochi giorni prima di essere ucciso: “Io risorgerò con il mio popolo salvadoregno che risorgerà”.

La resurrezione c’entra molto con la giustizia, dice la Scrittura, e dovrebbe far crollare tutti gli usurpatori e invece si vede che molti stanno ancora al proprio posto. Questo significa che la nostra fede in qualche parte si è corrotta, si è alienata, pensa al cielo ma non fa più scelte responsabili di liberazione degli oppressi sulla terra. La Parola ci ha ”liberati dagli uomini corrotti e malvagi“ dice San Paolo.

Perché cercate tra i morti Colui che è vivo? Queste parole dell’evangelista Luca mantengono intatta la loro bellezza. Il Dio di Gesù Cristo è Colui che è vivo; questo è il Suo nome. Se Lui è vivo, mi chiama, mi cerca, mi chiede opere di giustizia di liberazione e di carità. Nell’attesa di poterLo incontrare, nella gloria della resurrezione.


Leave a comment

Il nostro compito nella storia: annunciare il primato dell’amore

Nel brano degli Atti degli Apostoli (At 14,21-27) vediamo Paolo che fonda e organizza le comunità; sono il Corpo di Cristo nel mondo. Nomi di persone, luoghi geografici; il Vangelo diventa storia. È la logica dell’Incarnazione che entra dentro la vita concreta di ognuno di noi. Nel testo dell’Apocalisse (Ap 21,1-5) vediamo invece la Città Santa, che scende dall’alto, una città in cui tutte le cose vecchie sono passate e  solo  l’amore rimane per sempre. Noi, le nostre comunità, viviamo in mezzo a queste due polarità assolute: Cristo Signore, nella Sua Parola e nei Suoi gesti, e l’attesa del Suo ritorno nella gloria, per vivere insieme nella Città Santa. Ecco, allora il nostro compito nella storia è quello di annunciare il primato dell’amore, è quello  di diventare lievito, luce accesa nella storia, spesso terribilmente buia. La nostra fede ci rende – come dice  la Scrittura – “capaci di sopportare molte difficoltà”. La Pasqua non è una alternativa storica, ma è il cuore pulsante dei nostri giorni, il senso concreto e vivo immerso nel cuore del tempo e dello spazio. Chiediamo l’intercessione di San Giovanni Apostolo ed Evangelista – “ il discepolo che Gesù amava” – per volerci più bene, per essere maestri in umanità come ricordava Paolo VI e riconoscerci discepoli amati dal Cristo rivelatore del Padre nostro che sta nei cieli.


Leave a comment

La resurrezione è la Buona Notizia di Gesù

Noi crediamo che quel Dio che ha creato l’universo, che ha dato la bellezza ai fiori, che ha dato le stelle al cielo, e il cielo alle stelle, e che ha dato la vita anche a noi, questa vita già la custodisce per sempre con sé. Dice la Liturgia: “ai tuoi fedeli Signore la vita non è tolta ma trasformata”. Gesù Cristo è colui nel quale si è compiuto il mistero del morire e del vivere. La resurrezione è la Buona Notizia di Gesù Cristo.

Però questa Buona Notizia dobbiamo viverla e saperla gustare ogni giorno, come il pane quotidiano, perché Gesù ha fatto così e questo ci ha raccomandato. Quando Lui dava la vista ai ciechi era già resurrezione, quando dava il pane agli affamati era già resurrezione. Quando di fronte a Pilato diceva: “ Tu non hai nessun potere se non ti fosse dato dall’alto” spezzava le catene dell’impero romano e di ogni impero, ed era già resurrezione. Gesù prima ancora di vivere in se stesso il dono della vita da parte del Padre, ha liberato da tante morti quotidiane.

Noi cristiani dobbiamo ringraziare la filosofia che riflette sul mistero della vita e la scienza che tenta di rendere il vivere e il morire più dignitosi, ma non possiamo rassegnarci ad accettare nessun sepolcro.

Noi crediamo che la morte non sia un evento naturale, ma l’evento di una natura corrotta dal mistero del male e del peccato; noi crediamo che la gioia, la felicità, la vita sono un evento naturale. Noi siamo fatti per la vita, questa è la nostra natura. Gesù Cristo “vero uomo” significa non soltanto il grande dono della Incarnazione nella notte di Natale, ma vuole dire anche “uomo vero”, l’uomo come Dio lo aveva pensato e creato, cioè immortale.

Nel mistero della nostra Redenzione abbiamo il Sangue e le lacrime: il Sangue del Figlio, le lacrime della Madre. Pensate, che cosa straordinaria, un luogo, il Calvario ai piedi della Croce, dove il Sangue e le lacrime si incontrano.

Gesù, sulla strada di Naim, si è fermato davanti alla bara del figlio unico, per le lacrime di quella povera madre. Il pianto di Marta e di Maria lo commuovono al pianto prima ancora che al miracolo. Ogni volta che una mamma piange, dove qualcuno piange per amore, lì ci sono il sangue e le lacrime di Gesù e di Maria.

Il Risorto non si è fermato al pianto ma ci invita ad andare oltre: “Donna perché piangi, chi cerchi?” (Gv 20,15 ) Ognuno di noi deve recuperare la fede che è in quel “chi cerchi?” tante volte espresso nella Scrittura. Non dobbiamo mai smettere di cercare; cercare insieme e non tra i morti ma tra i viventi come ci insegna il Risorto.

Gesù Cristo è venuto per ridarci la vita per sempre, nell’attesa di poterLo un giorno incontrare: “Sono venuto perché abbiano la vita, e l’abbiano in abbondanza” (Gv 10,10 )