ConAltriOcchi blog – 以不同的眼光看世界-博客

"C'è un solo modo di vedere le cose finché qualcuno non ci mostra come guardare con altri occhi" – "There is only one way to see things, until someone shows us how to look at them with different eyes" (Picasso) – "人观察事物的方式只有一种,除非有人让我们学会怎样以不同的眼光看世界" (毕加索)


Leave a comment

“Let us take the first step”: Pope Francis in Colombia

Departing on 6th September and until the 10th, Pope Francis will be a pilgrim of peace and reconciliation in Colombia. As usual, last night Pope Francis went to the basilica of Saint Mary Major to bring a floral tribute to the venerated icon of Mary Salus Populi Romani and invoke Her intercession for his imminent pilgrimage.

Let us take the first step” is the theme of this apostolic journey because other first steps are required after the signing of the peace agreement.   The Government of Colombia and Farc signed a new peace agreement in Cuba last November which took account of some requests from the Front after the first agreement reached in August after 52 years of war was rejected in a referendum held on 2nd October last.

In the cities the Pope will visit – Bogota, Villavicencio, Medellin and  Cartagena – he will address  several issues: to be the artisans of peace, promoters of life; reconciliation with God, with the Colombians, with nature;  Christian life as Discipleship; human dignity and human rights.

On Friday in Villavicencio, South of Bogota, the Pope will beatify two Colombian martyrs: the Bishop of Arauca, Mons. Jesús Emilio Jaramillo Monsalve and a priest, Pedro María Ramírez Ramos.

Monsignor Jesús Emilio Jaramillo was killed on 2nd October 1989 at the age of 73, while he was returning from a pastoral visit to the town of Fortul. His car was stopped by three armed guerillas belonging to the Domingo Laín Front of the National Liberation Army (ELN) who kidnapped the Bishop; his body was found on the road a day later with several gunshot wounds and without his cross and episcopal ring. Pedro María Ramírez, known as the“ Martyr of Armero” was a rural parish priest, much loved by his parishioners; he was 68 years old when he was beaten to death on 10th April 1948 by a group of Liberal Party supporters in Armero-Tolima because he was considered to be «a fanatical and dangerous conservative».

The Pope will make twelve discourses in which – as highlighted by Cardinal Parolin, who will accompany him – Francis will confirm his brothers and sisters in the faith: “ The Pope’s visit to Colombia is of a purely pastoral nature, like all the Pope’s visits to various Countries and, therefore,  has the aim, the intention – let us say – of confirming and encouraging his brothers and sisters in the faith, of vivifying their charity and spurring them on to live Christian Hope.  Naturally, the papal visit comes at a key moment in the life of the Country as a peace process has begun after fifty years of conflict and violence and this makes it particularly important.”

Both Pope Paul VI and Saint John Paul II had already visited Colombia in 1968 and 1986 respectively. Today it is a Latin American Pope who is arriving to sustain and encourage the difficult path towards Peace following more than 50 years of war between the Government and the Revolutionary Armed Forces of Colombia (Farc), after the signing of the peace agreements last November. However. the situation still hangs in the balance.

Pope Francis is visiting Latin America for the fifth time.   He was in Brazil in July 2013, Ecuador, Bolivia e Paraguay in July 2015,  Cuba in September 2015 and Mexico in January 2016.

As always we will accompany him with our prayers.


Leave a comment

“Facciamo il primo passo”: Papa Francesco in Colombia

Da oggi fino al 10 settembre Papa Francesco sarà pellegrino di pace e riconciliazione in Colombia. Come è consuetudine, ieri sera papa Francesco si è recato nella basilica di Santa Maaria Maggiore per portare un omaggio floreale alla Salus Populi romani e invocare la Sua intercessione per il pellegrinaggio imminente.

Facciamo il primo passo” è la frase distintiva del viaggio apostolico, perché di altri primi passi c’è bisogno dopo la firma degli accordi di pace. Il governo della Colombia e le Farc  hanno concluso a Cuba nel novembre scorso un nuovo accordo di pace, accogliendo alcune  richieste dal fronte che nel referendum dello scorso 2 ottobre aveva  respinto il primo accordo, raggiunto in agosto dopo 52 anni di guerra.

Nelle città che il papa visiterà – Bogotá, Villavicencio, Medillin e Cartagena – affronterà diverse tematiche: essere artigiani di pace, promotori della vita; la riconciliazione con Dio, con i colombiani, con la natura; la vita cristiana come discepolato; dignità della persona e diritti umani.

Nella giornata di venerdì a Villavicencio, a sud di Bogotá, il papa beatificherà due martiri colombiani: il vescovo di Arauca, mons. Jesús Emilio Jaramillo Monsalve, e il sacerdote Pedro María Ramírez Ramos.

Monsignor Jesús Emilio Jaramillo, fu ucciso a 73 anni il 2 ottobre 1989, mentre tornava da una visita pastorale nella città di Fortul. La sua macchina fu fermata da tre guerriglieri armati del fronte Domingo Laín dell’Esercito di liberazione nazionale (ELN) che sequestrarono il vescovo; il suo cadavere con diverse ferite da arma da fuoco e senza la croce e l’anello episcopale, fu trovato il giorno dopo sulla strada. Padre Pedro María Ramírez, conosciuto come “il martire di Armero”era un parroco di campagna, molto amato dalla sua gente; aveva 68 anni quando il 10 aprile 1948 fu picchiato a morte da  gruppo di sostenitori liberali di Armero-Tolima perché era ritenuto «un conservatore fanatico e pericoloso».

Saranno Dodici i discorsi che il Papa pronuncerà nei quali – come ha sottolineato il cardinale Parolin che Lo accompagnerà. Francesco confermerà i fratelli nella fede :” La visita del Papa in Colombia ha un carattere essenzialmente pastorale, come del resto tutte le visite del Papa nei vari Paesi, e quindi ha lo scopo, ha l’intenzione – diciamo – di confermare e di incoraggiare i fratelli nella fede, di vivificare la loro carità e di spronarli a vivere la speranza cristiana. Naturalmente si colloca in un momento molto particolare della vita del Paese, in quanto è iniziato un processo di pace dopo cinquant’anni di conflitti e di violenza e questo lo rende particolarmente importante.”

Già Paolo VI nel 1968 e San Giovanni Paolo II nel 1986, visitarono la Colombia. Oggi un papa latinoamericano arriva per sostenere ed incoraggiare il difficile cammino della pace, dopo più di 50 anni di guerra tra il governo e le Forze armate rivoluzionarie della Colombia (Farc), concluso con gli accordi di pace del novembre scorso, ma con una situazione sempre in bilico.

Papa Francesco per la quinta volta visita l’America Latina. Era stato in Brasile (luglio 2013), Ecuador, Bolivia e Paraguay (luglio 2015), a Cuba (settembre 2015) e in Messico (gennaio 2016).

Lo accompagniamo come sempre con la nostra preghiera.


Leave a comment

她在黑暗中也知道爱人 纪念加尔各答德肋撒修女逝世20周年

今天是加尔各答德肋撒修女逝世二十周年纪念日,她是一位有非凡信仰的女士,以及一位被宣称是圣人的传教士。联合国秘书长哈维尔•佩雷斯•德奎埃拉在德肋撒修女去世的那一天曾说过:“她是联合国,她是世界和平”这些话有效地表示,这小女人在她对天主的信仰和对人类,每个人的信心中,能够表达的生活服务的宽度、幅度和深度。今天在她加尔各答家里的白色坟墓上,各个时间和不同信仰的朝圣者能念到若望福音的一节经文:“你们该彼此相爱,如同我爱了你们一样”。(若 十五,12)

 madreteresa

在成为行动的女人之前,德肋撒修女是个祈祷的女人。这也许可说明她在世界的苦难与苦楚的一生中活出的无畏力量。关于她自己和她的修女们,她曾说过:“我们是活在世界中的默觀者。「…」我们的生活必须是个持续的祈祷”。(R. Allegri, “Madre Teresa mi ha detto”, Ancora Editrice, Milano, 2010, pag.59)为了以生命和仁爱给基督作证,为了在一个越来越复杂与困难的世界上活出我们男人和女人的使命,今天静默和祈祷更为需要。

 当1946年8月份在加尔各答各种政治派别爆发了非常激烈的冲突时,德肋撒修女对每天看到的毁灭和死亡感到震惊,并开始感到她自己所称呼的“招唤内的召唤”。9月10日晚上她为了作退省坐火车去大吉岭市:“那天晚上我睁开眼睛看见痛苦了,并深入领会了我的圣召的本质「…」我感到天主要我放弃在我修会中的平静生活,好走到街上去服务穷人。这是一个命令。而不是一个建议、邀请或提议「…」”。(引述:Renzo Allegri, “Madre Teresa mi ha detto”, Ancora Editrice, Milano, 2010) 。是一个内心的招唤,一个祈祷静默中的声音,促使她开放接待穷人中最贫穷的人。德肋撒修女能够培养和实践接待的福音的恩赐。她首先在自己的心内,自己的时间里接待和寻找谁是孤独和被抛弃的。德肋撒修女打倒一切冷漠和虚伪的墙壁的同时,造成了共融的教会,。

在我们的时代,众多男女的许多磨难前,在各民族和各宗教人士的十字架前,德肋撒修女能够觀基督的面容,作为所有为爱奉献生命的人的衡量单位。以爱的力量,这位本身就是仁爱的修女能够做一件伟大的事,一件神圣的事;她给每个十字架取了名字,给予了尊严。给十字架取名有什么意思?

耶稣在祂默西亚完满的使命中不再是犹太人,他就是人:“看,这个人”。十字架上的名字就是人。我们的文化、民族和宗教差异的确重要,但在十字架上时,在去世时,它们不再有意义了。在消极情况下的这个平等是重要的,因为如同一个约会一样,耶稣把它承担在自己身上了:“当我从地上被举在十字架上时,便要吸引所有人来归向我”。所有的人。德肋撒修女被吸引了,并她又吸引了许多人来到人子耶稣,每个人的拯救者的十字架下。这就是为什么,像德肋撒修女所做的一样,我们不必要求政治提供任何宗教保护,而必须大力要求捍卫人类的,每个人的尊严。

有一个大公主意和各宗教间仁爱的对话,使德肋撒修女深信不疑:“只有一个天主,且是大家的天主;为此每个人在祂面前平等是很重要的。我总是说,我们要帮助一个印度教徒成为一个更好的印度教徒,帮助一个穆斯林教徒成为一个更好的穆斯林教徒,帮助一个天主教徒成为一个更好的天主教徒。我们相信我们的工作必须是给人们榜样。我们周围有475个灵魂:它们中,只有30家庭是天主教的。其他的是印度教的,穆斯林教的,锡克教的等…他们都信不同的宗教,但他们都来参加我们的祈祷”。(Lucinda Yardey, “Mother Teresa: A Simple Path”, Ballantine Books, 1995)

众所周知,德肋撒修女也经验过信仰的黑暗。在她死后发表的信件之一里,她写说“不管在心内,还是在圣体圣事里,我都感觉不到天主的存在”。她也吐露心声写说:“在我灵魂内我就经验到那可怕的痛苦,那种天主不在,天主不要我,天主不是天主,天主真的不存在的痛苦”。

 那些年德肋撒修女再次以在爱内捐赠的至上行为,真的把自己全身奉献给奥秘了,她用令人印象深刻的话描述该行为,说:“我开始爱上我的黑暗,因为我相信它们是耶稣黑暗和祂在地球上的悲伤的一小部分”。(Franca Zambonini, “Madre Teresa: la mistica degli ultimi”, Paoline, 2003, pagg. 33-34)

 


Leave a comment

She was able to love even in the darkness

In memory of Mother Teresa of Calcutta, 20 years since her departure

Today is the twentieth anniversary of the death of Mother Teresa of Calcutta, an extraordinary woman of faith and a missionary that was canonized by the Church. The UN Secretary-General Javier Pérez de Cuéllar, on the day of Mother Teresa’s death, said,: “Mother Teresa is the United Nations. Mother Teresa is peace in the world.” These words effectively express the amplitude, the greatness, and the depth of service to life that this little woman has been able to express in faith in God and man, in every man. Today, on his white tomb in the house of Calcutta, pilgrims of all times and of every faith can read a verse of the Gospel of John: “Love one another as I have loved you” (John 15:12).

madreteresa

 

Before being a woman of action, Mother Teresa was a woman of prayer. This perhaps explains her intrepid strength in a life lived through the miseries and the sufferings of the world. She said of herself and of her sisters: “We are contemplative who live in the midst of the world. […] Our life must be a constant prayer” (R. Allegri,”Madre Teresa mi ha detto”, Ancora Editrice, Milano, 2010). Silence and prayer are even more necessary today to witness Christ with life and charity and to live our mission of men and women in an increasingly complex and difficult world.

In August 1946, she began to hear the “call within a call” as she herself defined it. It was the evening of September 10, while she was on the train going to the city of Darjeeling to do spiritual exercises: “That night I opened my eyes to suffering, and understood the essence of my vocation as its core […] I felt that the Lord was asking me to give up to the quiet life inside my religious community and go out into the streets to serve the poor. It was a command. It was not a suggestion or an invitation or a proposal […]”(R. Allegri, ibidem)). It was an inner calling, a voice in the silence of prayer that pushed her to open herself and serve the poorest of the poor. Mother Teresa has been able to cultivate and practice the evangelical gift of welcome. Welcoming, first of all, in your own time, in your heart, going to find out who was lonely and abandoned. Mother Teresa has made the Church in communion, cutting down every wall of indifference and hypocrisy.

In front of the many calves of so many men and women of our time, in front of the crosses of men of every race and religion, Mother Teresa has been able to contemplate the face of Christ as the measurement of all those who give life for love. With the power of love, this sister who was herself the incarnation of charity, has been able to do a great thing, a divine thing; she gave a name, a dignity to every cross. What does it mean to give a name to the cross?

Jesus in his fullness of Messiah was no longer a Jew, he was the man: “Here is the man.” The name on the cross is Man. Our cultural, ethnic, religious distinctions may be important, but when it comes to the cross, when we die, they no longer matter. This equality is important because Jesus has taken it on himself as an appointment: “And when I am lifted up from the earth, I will draw everyone to myself.” Mother Teresa has been attracted and attracted many to the cross of Jesus son of man, Savior of every man. That is why, just as Mother Teresa did, we must not ask for any religion defense policy, but we must strongly ask for the defense of man’s dignity.

There is an ecumenical and interreligious dialogue of charity, in which Mother Teresa believed a great deal: “There is only one God and He is God to all; therefore it is important that everyone is seen as equal before God. I’ve always said that we should help a Hindu become a better Hindu, a Muslim become a better Muslim, a Catholic become a better Catholic. We believe our work should be an example to the people. We have 475 souls around us; of these, only 30 families are Catholics. The rest are all Hindus, Muslims, Sikh … They are all of different religions, but they all come to our prayers. ” (Lucinda Yardey, Mother Teresa: A Simple Path, Ballantine Books, 1995)

As it is now known, Mother Teresa has also experienced the darkness of faith. In one of his posthumous letters, she wrote that she did not hear “the presence of God in either his heart or the Eucharist.” And she confided: “In my soul I experience just that terrible suffering of the absence of God, that God does not want me, that God is not God, that God does not really exist.”

In those years, Mother Teresa really offered herself to the mystery, once again with the supreme act of donation in love, which she describes with impressive words: “I have begun to love my darkness because I believe it is part of a very, very small part of Jesus’ darkness and pain on earth” (Franca Zambonini,” Madre Teresa: “La mistica degli ultimi”, Paoline, 2003, pp. 33-34)

Mother Teresa has also been able to love the darkness, just like Jesus, who won death with love.

In our blog, in the past we collected some witnesses of devotion to Mother Teresa from an Indian salesian and Indian believers and non-believers.


Leave a comment

Ha saputo amare anche nelle tenebre

In memoria di Madre Teresa di Calcutta a 20 anni dalla scomparsa

Ricorre oggi il ventesimo anniversario della morte di Madre Teresa di Calcutta, straordinaria donna di fede e missionaria proclamata santa. Il segretario generale delle Nazioni Unite, Javier Pérez de Cuéllar, il giorno della scomparsa della madre ebbe a dire : “Lei è le Nazioni Unite. Lei è la pace nel mondo.” Queste parole esprimono efficacemente l’ampiezza, la grandezza, la profondità del servizio alla vita che questa piccola donna ha saputo esprimere nella fede in Dio e nell’uomo, in ogni uomo. Oggi sulla sua tomba bianca nella casa di Calcutta i pellegrini di ogni tempo e di ogni fede possono leggere un versetto del Vangelo di Giovanni: “Amatevi gli uni gli altri come io ho amato voi” (Giovanni 15,12).

madreteresa

Prima che essere donna d’azione, Madre Teresa era una donna di preghiera. Questo forse spiega la sua intrepida forza d’animo lungo una vita vissuta tra le miserie e le sofferenze del mondo. Diceva di se stessa e delle sue suore: “Siamo delle contemplative che vivono in mezzo al mondo. […] La nostra vita deve essere una preghiera continua” (R. Allegri, “Madre Teresa mi ha detto”, Ancora Editrice, Milano, 2010, pag. 59). Silenzio e preghiera sono ancor più necessari oggi per testimoniare Cristo con la vita e la carità, per vivere la nostra missione di uomini e di donne in un mondo sempre più complesso e difficile.

Nell’agosto del 1946 Madre Teresa cominciò a sentire la “ chiamata nella chiamata” come la definì lei stessa. Era la sera del 10 settembre in treno mentre andava nella città di Darjeeling per fare gli esercizi spirituali: “Quella notte aprii gli occhi sulla sofferenza e capii a fondo l’essenza della mia vocazione […] Sentivo che il Signore mi chiedeva di rinunciare alla vita tranquilla all’interno della mia congregazione religiosa per uscire nelle strade a servire i poveri. Era un ordine. Non era un suggerimento, un invito o una proposta […] ” (Cit. in Renzo Allegri, Madre Teresa mi ha detto, Ancora Editrice, Milano, 2010). Fu una chiamata interiore, una voce nel silenzio della preghiera che la spinse ad aprirsi all’accoglienza dei più poveri tra i poveri. Madre Teresa ha saputo coltivare e praticare il dono evangelico dell’accoglienza. Accogliere, prima di tutto nel proprio tempo, nel proprio cuore, andando a cercare chi era solo e abbandonato. Madre Teresa ha fatto la Chiesa in comunione, abbattendo ogni muro di indifferenza e di ipocrisia.

Davanti ai tanti calvari di tanti uomini e donne del nostro tempo, davanti alle croci degli uomini di ogni razza e religione, Madre Teresa ha saputo contemplare il volto di Cristo, come l’unità di misura di tutti quelli che danno la vita per amore. Con la forza dell’amore, questa suora che era in se stessa la carità, ha saputo fare una cosa grandiosa, una cosa divina; ha dato un nome, una dignità ad ogni croce. Cosa significa dare un nome alla croce ?

Gesù nella sua pienezza di Messia non era più un ebreo, era l’uomo: “Ecco l’uomo”. Il nome sulla croce è Uomo. Hanno certamente importanza le nostre distinzioni culturali, etniche, religiose ma quando si è in croce, quando si muore non contano più. Questa uguaglianza nel negativo è importante, perché Gesù l’ha assunta su di sé come un appuntamento: «Quando sarò sollevato sulla croce attirerò tutti a me». Tutti. Madre Teresa si è lasciata attirare ed ha attirato moltissimi alla croce di Gesù figlio dell’uomo, Salvatore di ogni uomo. Ecco perché, esattamente come ha fatto Madre Teresa non dobbiamo chiedere alla politica nessuna difesa della religione, ma dobbiamo chiedere con forza la difesa della dignità dell’uomo, di ogni uomo.

Ci sono un ecumenismo e un dialogo intereligioso della carità, in cui Madre Tereesa credeva molto: “C’è un solo Dio, ed è Dio per tutti; è per questo importante che ognuno appaia uguale dinnanzi a Lui. Ho sempre detto che dobbiamo aiutare un indù a diventare un indù migliore, un musulmano a diventare un musulmano migliore ed un cattolico a diventare un cattolico migliore. Crediamo che il nostro lavoro debba essere d’esempio alla gente. Attorno noi abbiamo 475 anime: di queste, solo 30 famiglie sono cattoliche. Le altre sono indù, musulmane, sikh… Sono tutti di religioni diverse, ma tutti quanti vengono alle nostre preghiere”. (Lucinda Yardey, Mother Teresa: A Simple Path, Ballantine Books, 1995.)

Com’e’ ormai noto, Madre Teresa ha anche sperimentato il buio della fede. In una delle sue lettere pubblicate postume scriveva di non sentire “la presenza di Dio né nel suo cuore né nell’Eucaristia”. E confidava : “Nella mia anima sperimento proprio quella terribile sofferenza dell’assenza di Dio, che Dio non mi voglia, che Dio non sia Dio, che Dio non esista veramente”.

In quegli anni, Madre Teresa si è offerta veramente tutta al mistero, ancora una volta con l’atto supremo di donazione nell’amore, che lei descrive con parole impressionanti: “Ho cominciato ad amare le mie tenebre perché credo che siano una parte, una piccola parte delle tenebre di Gesù e della Sua pena sulla terra“( Franca Zambonini, “Madre Teresa: la mistica degli ultimi”, Paoline, 2003, pagg. 33-34).

Madre Teresa ha saputo amare anche le tenebre, proprio come Gesù che ha vinto la morte con l’amore.

Nel nostro blog abbiamo in passato raccolto delle testimonianze di devozione verso Madre Teresa dall’India e dalla Cina.

 


Leave a comment

堂区必须敞开大门,为了服务的使命

今天教宗方济各为了教会9月份的祈祷意向,发表了一个新的视频信息.

教宗在视频信息里这样开始说:“堂区必须与家庭、与人们的生活和社区生活建立连接” –该视频信息发布在YouTube上,名为“堂区为了服务的使命”,是用西班牙语录影配以英文字幕(这里 有一个视频信息的中文翻译)。再次谈到以前已经讨论过的主题时,教宗方济各邀请堂区“敞开大门,好能前去会晤他人”。但不是“为了出去而出去”,而是要带着“一项明确的信仰建议”。敞开大门,是为了“让耶稣带着祂讯息的一切喜乐出去”。最后,教宗邀请大家为堂区祈祷,“好使它不只是个实用的办公室,而是在传教热忱的激励下成为传播信仰与见证爱德的场所”。

教宗方济各已经讨论过这些主题 –堂区必须大门敞开,而不应像是一个官僚机构。他在2015年9月9日周三的公开接见 活动中说过:“一个真正遵循福音的教会不能不具有好客之家的形态,总是敞开着大门。关闭大门的圣堂、堂区、机构不该称作教会,而该称作博物馆!”。同样在2016年5月29日的执事共庆禧年 里教宗也说过:每当我看到堂口门外贴着的时间表,写上从几点至几点开放,我就心痛。那麽开放时间以外又如何呢?门关闭着,没有神父,没有执事,没有接待人的平信徒。这令人心痛。仆役应不计较个人时间:你们该具有不计较个人时间的勇气。

 利用我们的博客,简单渺小的我们也试过从大门敞开的堂区开始,给走出教会的美丽作证:请查看接下的文章,“开堂门的方济各神父”。


Leave a comment

La croce con Gesù inchiodato

L’Angelus di papa Francesco 

Nella preghiera dell’Angelus di oggi papa Francesco ha ricordato come la professione di fede di Pietro roccia su cui Gesù vuole costruire la Sua Chiesa è subito smentita dai fatti.  Gesù rimprovera Pietro con parole dure, perché non accetta l’annuncio della croce.  Un momento prima l’apostolo era benedetto dal Padre, e subito dopo diventa addirittura un ostacolo, una pietra di inciampo sulla strada di Gesù.  Pietro e gli altri hanno ancora molta strada da fare.

La tentazione è di seguire un Cristo senza croce ma Gesù ci ricorda che la sua via è quella dell’amore e non c’è vero amore senza il sacrifico di se.

Camminare contro corrente e in salita esorta il papa. Solo l’amore da senso e felicità alla vita . Impostiamo la nostra vita sull’amore come ha fatto Gesù e la nostra vita non sarà sterile ma feconda, ha ancora continuato.

Nell’eucarestia Gesù perde se stesso per ritrovare tutti noi. Maria ci aiuti a non aver  paura della croce con Gesù inchiodato.

Al termine della preghiera mariana, papa Francesco rinnova la vicinanza e partecipazione ai paesi asiatici  e al Texas colpiti da gravi alluvioni.

Ha ricordato poi  il suo imminente viaggio apostolico che da mercoledì fino al 10 settembre, lo condurrà come pellegrino di pace e riconciliazione in Colombia.

Già Paolo VI nel 1968 e San Giovanni Paolo II nel 1986, avevano   il Paese latinoamericano. Oggi un papa latinoamericano arriva per sostenere ed incoraggiare il difficile cammino della pace, dopo più di 50 anni di guerra tra il governo e le Forze armate rivoluzionarie della Colombia (Farc).

Lo accompagniamo con la nostra preghiera


Leave a comment

Contempliamo la croce

Sul Calvario davanti alla Croce non si parla, si contempla. Prendendo la nostra croce, contempliamo la Croce come l’unità di misura di tutti quelli che danno la vita per quelli che amano.

WTu mi sei di scandalo perché non pensi secondo Dio, ma secondo gli uomini (Mt 16,21-23) si sente dire Pietro. Come la stiamo pensando la nostra vita? La nostra famiglia, il nostro lavoro? Secondo il progetto di Dio o secondo il potere degli uomini?

Dio mio Dio mio perché mi hai abbandonato? griderà il crocifisso E’ necessario non lasciarlo solo. Occorre darlo a tutti gli uomini.

Gesù nella sua pienezza di Messia non era più un ebreo,   l’uomo.”Ecco l’uomo” .Il nome sulla croce è Uomo. Hanno certamente importanza le nostre distinzioni culturali, etniche, religiose  ma quando si soffre e  si muore non contano più. Questa uguaglianza nel negativo è importante, perché  Gesù  l’ha assunta su di sé  come un  appuntamento: «Quando sarò sollevato sulla croce attirerò tutti a me». Tutti.

Ecco perché, non dobbiamo chiedere alla politica nessuna difesa della religione, come abbiamo spesso fatto, facendo a volte della casa del Signore un mercato e una spelonca di ladri: Non dobbiamo chiedere alla politica nessuna difesa della religione, dobbiamo chiedere la difesa della dignità dell’uomo, di ogni uomo. Gesù è entrato nella debolezza umana. Questa universalità della croce è molto importante, oggi lo sentiamo di più di una volta, perché le pareti di divisione stanno cadendo tutte inesorabilmente; non possiamo più vivere, non solo gli uni contro gli altri, ma neanche gli uni accanto agli altri.

Le divisioni appartengono non al Dio crocifisso, ma alla logica della nostra finitezza.

Abbiamo alle spalle e purtroppo non solo alle spalle, una storia di guerre di religione, di scomuniche reciproche. I poveri, i crocifissi non le tollerano più.

Preghiamo il Figlio dell’uomo perché ci aiuti ad aprirci ad una solidarietà che arrivi fino al dolore fisico dell’uomo, di ogni uomo.

Avevano chiesto a Gesù all’inizio del vangelo di Giovanni, dove abitasse, e Lui decide di abitare nel nostro dolore. E li siamo veramente tutti fratelli.


Leave a comment

Indimenticabile pastore

Ricordo del cardinale Carlo Maria Martini a cinque anni dalla morte.

«Indimenticabile»: è questo l’aggettivo che ha pronunciato monsignor Mario Delpini, l’arcivescovo eletto di Milano, per ricordare Carlo Maria Martini, nella messa celebrata a cinque anni dalla morte.

Il tempo che passa dimostra quanto grande sia l’eredità che non si corrompe, del suo ministero episcopale, che illuminato dallo Spirito e sostenuto dalla comunione profonda con la Parola di Dio, ha superato i confini della diocesi milanese, per appartenere a tutta la Chiesa, e per diventare patrimonio prezioso della intera umanità.

Annunciare il primato dell’amore con la vita e la Parola è stato il suo compito nella storia. Amare e valorizzare il Corpo di Cristo nel mondo. Nomi di persone, luoghi geografici, il suo servizio alla Chiesa e all’uomo, in ogni incontro, in ogni ambiente della diocesi; il Vangelo diventa storia. È la logica dell’Incarnazione che entra dentro la vita concreta di ognuno di noi.

Carlo Maria Martini era ben consapevole che la vita degli uomini era vissuta in mezzo a due strade maestre: Cristo Signore, nella Sua Parola e nei Suoi gesti, e l’attesa del Suo ritorno nella Gloria, per vivere insieme nella Città Santa. Ecco, allora l’annuncio instancabile di Martini, circa il primato dell’amore, il desiderio, la vocazione di diventare lievito, luce accesa nella storia, spesso terribilmente buia. L’annuncio che La Pasqua non è una alternativa storica, ma è il cuore pulsante dei nostri giorni, il senso concreto e vivo immerso nel cuore del tempo e dello spazio.

La grandezza del suo ministero, la profondità del suo magistero, fanno impallidire alcune posizioni ideologiche, alcuni violenti attacchi strumentali che il cardinale ha dovuto subire e che non hanno avuto rispetto neanche degli anni della malattia; posizioni ideologiche che intendevano attaccare la Chiesa del concilio, come oggi si fa contro papa Francesco; visioni distorte che nulla hanno a che far con la fede e il vangelo e che “contano come pulviscolo sulla bilancia”(IS 40,15)

Ci inchiniamo alla umanità e alla fede con la quale Padre Carlo Maria Martini, ha percorso il suo cammino di santità che è ormai arrivato alla contemplazione del volto del Padre che lui più di molti altri, ha saputo intravedere e testimoniarci in Cristo Parola di vita eterna.


Leave a comment

Parrocchie con le porte aperte, a servizio della missione

E’ stato pubblicato oggi un nuovo videomessaggio di Papa Francesco per le intenzioni di preghiera proposte alla Chiesa per il mese di settembre.

Le parrocchie devono stare a contatto con le famiglie, con la vita della gente, con la vita del popolo” – esordisce il Papa nel videomessaggio, postato su YouTube col titolo “le parrocchie al servizio della missione” e registrato in spagnolo con i sottotitoli in italiano. Riprendendo un argomento già affrontato in precedenza, Francesco invita le parrocchie a tenere la porta “sempre aperta per andare incontro agli altri“. Ma non l’ “uscita per l’uscita” in sé, bensì portando “una chiara proposta di fede“. Aprendo le porte per “lasciare che Gesù esca con tutta la gioia del suo messaggio“. Concludendo, il Papa invita a pregare per le nostre parrocchie, affinché “non siano uffici funzionali“, ma siano animate da “spirito missionario“, per essere “luoghi di comunicazione della fede e di testimonianza della carità“.

Temi – questi della parrocchia con le porte aperte e non come un ufficio burocratico – già affrontati da Papa Francesco. “Una Chiesa davvero secondo il Vangelo non può che avere la forma di una casa accogliente, con le porte aperte, sempre. Le chiese, le parrocchie, le istituzioni, con le porte chiuse non si devono chiamare chiese, si devono chiamare musei!” – aveva detto nel corso dell’Udienza Generale del mercoledì’, il 9 settembre 2015. E similmente nel corso del Giubileo dei Diaconi il 29  maggio 2016: “A me fa male al cuore quando vedo un orario, nelle parrocchie: “Dalla tal ora alla tal ora”. E poi? Non c’è porta aperta, non c’è prete, non c’è diacono, non c’è laico che riceva la gente… Questo fa male. Trascurare [andare oltre] gli orari: avere questo coraggio, di trascurare [andare oltre] gli orari“.

Anche noi col nostro blog, nella nostra piccolezza e semplicità, abbiamo cercato di testimoniare la bellezza della Chiesa in uscita a partire dalle porte aperte della parrocchia: vedi i post “Porte aperte in parrocchia!” e “La Chiesa di Roma vista dalla Chiesa in Cina: porte aperte in parrocchia“.